Sboccia flower-ed, la casa editrice che punta tutto sugli e-book!

Sboccia flower-ed, la casa editrice che punta tutto sugli e-book!
Innovativa, attraente e intellettuale: ecco il profilo della neonata casa editrice flower-ed
Roma, 16/02/2012 – flower-ed è una casa editrice romana che si affaccia su uno scenario editoriale in forte evoluzione. Scommette tutto sul digitale, offrendo un catalogo di saggistica e narrativa che si preannuncia ricco e interessante.
“L’e-book, grande innovazione del nostro tempo, rappresenta un’opportunità” dichiara Michela Alessandroni, editore di flower-ed “per l’editore, che può investire idee, tempo e denaro in un mercato tutto da scoprire, per lo scrittore, che può verificare la presenza sul mercato della sua opera in tempo reale, e per il lettore, che può accedere ai testi acquistandoli in qualsiasi luogo e momento. Questi, naturalmente, sono solo alcuni dei vantaggi concreti offerti dall’e-book”.
“In quest’ottica, vogliamo cogliere l’opportunità imprenditoriale che ci viene offerta e metterla a disposizione degli scrittori e dei lettori” prosegue “attraverso la pubblicazione di e-book che possano costituire sia una lettura appassionante che un arricchimento culturale”.
“Il nostro intento è quello di diffondere il sapere umanistico e la buona letteratura” conclude “trasmettendo prodotti che siano beni fruibili da tutti grazie alle nuove tecnologie”.
Questi gli e-book di febbraio 2012 già on-line:
·      Viola. Il Dono dell’Ambra di Marina Lisi
·      Aramei. Le oscure origini di un popolo di Michela Alessandroni 
·      La Storia di re Wamba di Giordana Di Ermenegildo
Annunci
Sboccia flower-ed, la casa editrice che punta tutto sugli e-book!

Me myself & ebook

Proponiamo il contributo di flower-ed a “Me myself & ebook” per l’edizione 2011 di Librinnovando.
Sembra che improvvisamente il mondo si sia spaccato a metà: da una parte c’è chi ama gli e-book e dall’altra c’è chi li odia. Una spaccatura che non ha ragion d’essere visto che la forma cartacea e quella digitale coesistono. E coesisteranno ancora, a mio parere, fino a quando le nuove generazioni, che hanno avuto un computer come culla, non ne vorranno più sapere del supporto cartaceo. Può far male a molti ma è così che vedo il futuro. E’ accaduto per la musica, per i film, per l’enciclopedia, per le relazioni sociali e accadrà anche per i libri: il supporto fisico sarà eliminato in una concezione di estetica riduzione dell’eccessivo ingombro materiale. Non sarà una scelta, sia chiaro, ma l’ambiente naturale in cui gli uomini di domani si troveranno a vivere: la carta sarà obsoleta quanto il papiro e la pergamena.

Questa breve premessa serve a chiarire che l’e-book rappresenta un’opportunità in più che prima non c’era e non una minaccia. Opportunità per l’editore, per lo scrittore e per il lettore: nella catena alimentare dei divoratori di libri non c’è chi non tragga vantaggio da questa innovazione. L’editore può investire idee, tempo e denaro in un mercato ancora tutto da scoprire, senza sottostare alle dinamiche che regolano il mercato editoriale tradizionale; lo scrittore può verificare in tempo reale la presenza della sua opera sul mercato e godere di tempi di pubblicazione più brevi; il lettore può accedere facilmente ai testi che sono acquistabili in qualsiasi luogo e a qualsiasi ora e possono essere portati in gran numero nello spazio ridotto di un e-reader o di una chiavetta. Per non parlare poi degli alberi che si salveranno dall’abbattimento: a questo avremmo dovuto pensare già molto tempo fa.

Le abitudini sono dure a morire, è vero, così il libro fatto di carta evoca solamente l’aspetto più romantico e già nostalgico della faccenda, senza pensare ai costi che comporta, alle risorse naturali utilizzate, alla distanza che interpone fra sé e i molti non lettori: perché la speranza è proprio questa, che la conoscenza a portata di mouse contribuisca alla propria diffusione anche tra chi prima non leggeva. Penso soprattutto alle nuove generazioni, quelle che per fare una ricerca si affidano a wikipedia e non spulciano di certo l’enciclopedia.

Lavoro da tempo nel settore dell’editoria e ho potuto conoscerne sia la tradizione che l’innovazione. Al momento sto dando vita a una nuova realtà editoriale: si chiama flower-ed ed è una nascente casa editrice che pubblicherà saggistica e narrativa, in e-book. Posso assicurare, quindi, che l’insieme dei cosiddetti servizi editoriali offerti dalle case editrici si riscontra in entrambe le parti in questione: pur essendo regolato da una meccanica differente, infatti, il lavoro redazionale resta scrupoloso tanto nel cartaceo quanto nel digitale.

Personalmente, poi, sono una lettrice sia di e-book che di libri cartacei, perché alla fine quelle che amo sono le parole. (Michela Alessandroni)

Me myself & ebook

Chi siamo

flower-ed è una giovane casa editrice che pubblica e-book di saggistica e narrativa.
Nata con l’intento di diffondere la cultura umanistica e la buona letteratura, rappresenta un luogo di incontro per scrittori e lettori, un giardino fiorito in cui apprendere e riflettere, interiorizzare e condividere pensieri attraverso la grande passione che ci accomuna: il magico mondo della parola scritta.
Contenuti tradizionali sono associati a forme nuove, legate alla scelta di pubblicare in e-book. In un mercato editoriale che si sta evolvendo, flower-ed vuole infatti precorrere i tempi, che porteranno il libro a un futuro totalmente digitale.

Un progetto editoriale innovativo e ambizioso, dove resta centrale l’interesse per la cultura e per la crescita personale, per la fantasia e per quelle parole che sanno ancora regalare emozioni.
Chi siamo