“La scelta” di Giusy Amoruso: la recensione di Riccardo Mainetti

Giusy Amoruso, La scelta

Giusy Amoruso

La scelta

Scheda dell’e-book

La drammatica scelta di Lidia

Il racconto “La scelta“, uscito dalla penna della bravissima Giusy Amoruso, scrittrice conosciuta anche per il romanzo “Angeli dannati“, è uno degli e-book gratuiti distribuiti dalla flower-ed, la casa editrice nativa digitale diretta da Michela Alessandroni. La vicenda è ambientata temporalmente nel 1944, nel periodo nel quale i tedeschi, da alleati dell’Italia, erano diventati, dopo l’8 settembre 1943, esercito nemico ed occupante. Il racconto, perchè di racconto breve si tratta, si apre nella maniera più normale che possa esservi, con una mamma che richiama i suoi due figlioletti all’ora di pranzo. I due bambini, nascosti nel sottoscala, sono a vario titolo, il maschietto più della bambina, preoccupati per via di un vestito rovinato; il vestito più bello della madre. Mentre i due bambini si preparano ad uscire dal proprio nascondiglio, nella casa piomba la vecchia zia della madre dei bambini, la zia Elena. La zia Elena porta notizia drammatiche che raccontano di angherie commesse dall’esercito tedesco al paese. La vecchia zia invita decisamente la nipote, che vive sola coi bambini, senza un uomo in casa, a recarsi da lei al paese. Per tentare di convincerla le esprime la preoccupazione per quello che i soldati potrebbero farle qualora fossero giunti, o meglio quando sarebbero giunti lì, scoprendola sola senza un uomo.

Lidia sceglie però di non abbandonare la propria casa. Questa scelta segnerà il destino suo e dei piccoli Lucilla e Antonio, “gli unici segni dell’amore” che c’era stato con l’uomo che, già sposato, si era divertito con lei per un breve periodo abbandonandola poi coi due bimbi. La stessa sera arrivano infatti alla casetta due militari che usano violenza a Lidia, salvando però i due bambini i quali, avvertiti dalle urla della madre riescono a scappare. Quella visita non rimarrà però isolata. I soldati torneranno infatti alla casetta continuando le proprie violenze, impunite ed indisturbate. La seconda volta tornano in numero maggiore e andandosene lasciano dietro di loro uno scempio atroce. In poche pagine, la penna di Giusy Amoruso ci regala, con “La scelta“, una storia di rara intensità che tocca nel profondo l’animo del lettore e lo mette faccia a faccia con la brutalità di quel periodo storico. Una storia da leggere e rileggere per riflettere!

Riccardo Mainetti

Fonte: Passione Lettura

Annunci
“La scelta” di Giusy Amoruso: la recensione di Riccardo Mainetti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...