Giuseppe Mazzini – «I Doveri dell’Uomo» ovvero il sogno sociale oggi sempre più attuale

I Doveri dell'Uomo

Giuseppe Mazzini

I Doveri dell’Uomo

Introduzione di Achille Ragazzoni

La scheda dell’e-book

Devo ringraziare l’amica Michela Alessandroni, proprietaria della casa editrice «Flower ed» per avermi fatto reincontrare uno dei personaggi più affascinanti de l’Ottocento rivoluzionario e risorgimentale, un eroe che ha conquistato l’anima di tutto lo stivale lasciando una scia di fratellanza e  amore che ancora oggi attraversa il paese e non sono solo strade e piazze legate a Giuseppe Mazzini.

Questo cencioso brigante, come lo definì Klemens von Metternich, ha attraversato un secolo fermandosi due anni dopo quella Breccia di Porta Pia che riponeva entro i confini della fede una Chiesa temporale che il Mazzini osteggiò fino a raffigurare una religione tutta esterna alla chiesa e ai preti, dove la volta è lo stesso Universo.  Una cosa, leggendo il libro “Doveri morali dell’Uomo” mi colpisce, ed è il sogno mazziniano della Repubblica sociale, che non è la finta RSI di Mussolini e Hitler, messa su per salvare la faccia e la vita dopo l’armistizio, è piuttosto l’idea della cooperazione sociale all’interno della struttura dello stesso Stato. Sogno che si infranse nella scelta di Camillo Benso Conte di Cavour  per il quale l’Unità d’Italia rappresentò non un moto, ma uno spostamento di poltrone da primo ministro del Regno di Sardegna a primo ministro del Regno d’Italia. Una scelta di potere fra poteri che non si conciliano con il pensiero del nostro autore.

 Il libro rappresenta davvero un’ icona, utile per quanti, oggigiorno, vorrebbero trovare una ideologia nuova alla quale aggrapparsi. La questione sociale di Mazzini è opposta al nascente comunismo che lui vide ancora come pensiero e ne previde gli sviluppi dittatoriali, laddove la scelta della collettivizzazione dei mezzi e dell’economia produce un egoismo di Stato ed una perdita del valore della persona. Mentre quando leggerete il libro –  che per una ventura editoriale trovare ora in ebook dopo una lunghissima serie di pubblicazioni cartacee-  troverete  termini ricorrenti quali associazione e cooperazione fraterna verso un intento comune, oppure la previsione della “ Carta d’Europa che sarà rifatta e l’Italia la patria sarà meglio definita”. Come dire che sono impegni sul tavolo di Renzi, che ne dite?

E poi il puntare ai doveri dell’uomo rispetto all’associazione, non vi trovate lo spunto per la riforma dei partiti dopo la delusione di massa della fine del Novecento? Oggi si parla di terzo settore non vi trovate lo stimolo mazziniano che parlava di auto-imprenditorialità come strumento di sviluppo? E poi in quel capitolo dove parla dei doveri verso l’Umanità non ci trovate l’idea attuale dei confini che creano tragedie, o dell’inquinamento che uccide i bambini e sentite l’appello mazziniano, ripetuto diverse come volte come un appello papale. ” desistete, desistete”.

Il libro ha anche l’introduzione di Achille Regazzoni, Presidente del Comitato di Bolzano dell’ Istituto per la Storia del Risorgimento che lo colloca nella sua dimensione storica.

I Doveri dell’uomo vanno letti come una sorta di vangelo laico, di un repubblicano convinto, perché credeteci è una lettura che fa bene o come riflette lui stesso: “Voi potete  oggi difficilmente interrogare a dovere la grande voce che l’Umanità vi tramanda attraverso la Storia, vi mancano finora libri buoni davvero e popolarmente scritti”  Una voce che ora arriva attraverso lui per la nostra gioia.

Fonte: Agorà Magazine

Annunci
Giuseppe Mazzini – «I Doveri dell’Uomo» ovvero il sogno sociale oggi sempre più attuale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...