Gioie e dolori della promozione: ecco come affrontare le librerie

Come promuovere un libro

Anche se a prima vista può sembrare il contrario, scrivere un romanzo non è che la prima parte del lavoro. Chi ha pubblicato almeno un libro nel corso della sua vita sa bene che le difficoltà arrivano dopo la fase di scrittura, con la promozione, nel momento in cui ci si pone la domanda: “E adesso come posso far sapere al mondo che il mio libro esiste?”.

Va detto, in primis, che la scelta della casa editrice conta molto, soprattutto quando si parla di piccola e media editoria, poiché ognuna segue una sua politica distributiva e ha contatti diversi. Ci sono case editrici che hanno legami importanti, una vera e propria rete distributiva, e altre, invece, che se la cavano con poco. 

Il tipo di distribuzione garantita oggi è molto importante, ma se ci si affida a una casa editrice di nicchia o medio-piccola (che molto spesso è quello che succede agli esordienti) non si può pensare che il nostro libro si troverà fisicamente in tutte le librerie d’Italia. I principianti, quelli che si affacciano per la prima volta nel mondo editoriale, hanno questo tipo di pretese e pensano che l’editore farà arrivare la loro opera ovunque, come per magia. Solo in seguito scoprono che non va così, perché le piccole realtà devono fare a pugni con i colossi, con chi ha l’egemonia di un mercato che vende solo gli autori noti e di sicuro successo e tenta, a piccoli passi e con grande fatica, di inserire nomi nuovi con strategie pubblicitarie ben mirate. Ricordate: per un colosso editoriale nessuna pubblicazione è casuale, tutte sono motivate, anche nella scelta degli autori al primo libro.

Ora, tornando alla promozione dei lavori degli esordienti, va detto che gli ostacoli da affrontare sono innumerevoli e che in questo percorso irto di insidie di ogni tipo, come fosse una selva oscura, molto potere hanno le librerie che, potremmo dire, sono come lo zoccolo duro dello stivale. Se una libreria non accetta di esporre la tua opera o, ancora peggio, di ordinarla quando una persona la richiede, questo significa ostruzionismo. Come combattere questo fenomeno e soprattutto la diffidenza dei librai che non ci conoscono?

Semplice! Bisogna organizzare un piano strategico, uno di quelli che solo chi ha davvero il desiderio di imporsi e di farsi notare può avere la forza e la perseveranza di mettere in pratica. Ho ampiamente parlato di questo argomento anche nel mio blog culturale, Il profumo della creatività, poiché reputo fondamentale che gli emergenti sappiano come affrontare determinate situazioni.

Quel che serve è dimostrare al libraio in questione che anche l’opera di un esordiente può vendere. E come si ottiene questo risultato? Non certo a parole, ma con i fatti, che sono quelli che contano davvero. 

Se il libraio ha rifiutato di esporre in vetrina o su uno scaffale il vostro libro (capita spesso), chiedete aiuto ad amici e parenti. Questi dovranno presentarsi nella libreria in qualità di semplici avventori. Dovrete organizzare il tutto in modo che risulti casuale. Le persone che avete scelto dovranno andare a richiedere il vostro libro, a distanza di poco tempo uno dall’altro (con questo non si intendono pochi giorni, perché il libraio potrebbe insospettirsi, ma almeno due settimane). Quando saranno passate alcune persone a richiedere sempre lo stesso titolo, il libraio diffidente comincerà a capire che ha tutto da guadagnare nel dare spazio al vostro libro e quindi a richiederlo alla casa editrice.

Chiaramente promozione non significa solo vendita off line, ma anche on line, perché il web ha un potere inimmaginabile e vi permetterà di arrivare ben oltre il vostro quartiere, la vostra città o la vostra regione. Questa grande opportunità vi consentirà di raggiungere grandi risultati, se saprete destreggiarvi e organizzare strategie pubblicitarie con un programma preciso e obiettivi da raggiungere, tali da farvi notare, e soprattutto da permettere al pubblico di familiarizzare col vostro nome e con la vostra attività artistica. Servirà tempo, molto tempo, ma i frutti di tutta questa fatica si raccoglieranno quando meno ve lo aspettate. Magari dopo anni, se saprete resistere e se scrivere è davvero ciò che volete.

Per approfondire l’argomento, Come promuovere un libro, flower-ed, 2013. Disponibile su Amazon e sui principali store on-line. Anche su Facebook.

Tiziana Iaccarino

Fonte: Parole A Colori

Annunci
Gioie e dolori della promozione: ecco come affrontare le librerie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...