Recensione di “Canto dell’effimero” di Eugenia Serafini

Cari Lettori,

oggi vogliamo condividere con voi una nuova bella recensione del poemetto di Eugenia Serafini “Canto dell’effimero”. La recensione, a firma del poeta Prof. Elio Pecora, è apparsa sulla rivista FOLIVM, Miscellanea di Scienze Umane, a cura dell’Accademia in Europa di Studi Superiori ARTECOM ONLUS, XV (XIX).2 – Agosto 2013, p. 27.

La riportiamo qui per voi.

L’effimero non è il nulla e l’annientamento che, nel Novecento della letteratura e delle arti, hanno occluso ogni attesa e illusione e speranza. L’effimero ha una sua durata, quella di un solo giorno, ma il giorno – come per il “carpe diem” oraziano – può equivalere all’eterno se vissuto nella sua pienezza che è insieme stupore e terrore, ebbrezza e disperazione. E la poesia, parola chiamata per durare, dell’effimero fa pietra incisa, soffio mutato in accento. Eugenia Serafini non rifugge l’effimero se lo accoglie nel canto e, dunque, lo elogia, lo ferma, lo scandaglia, lo intona. E dove lo smembra fino al bisillabo, dove lo allude nel segno veloce o in uno stormo irrequieto , che altro fa se non toccarne la brevità e l’incompiutezza in questa fermandosi, e placa l’ansia nemmeno nominandola? In un tale effimero e nella sua attentata leggerezza si muovono e si pronunciano i momenti dell’esistenza, lacerti di verità accostate. Così la pena e l’allegria, il bisogno d’amore e la sua perdita, il dubbio che consuma e il desiderio che non s’arrende, il pensiero della morte e i meandri della memoria s’intrecciano e si alternano nei versi brevi, nelle frasi in corsa per declivi di inchiostro sottile, dietro cancellature che lasciano trapelare il negato e l’incauto.
Se tutto di questo libro è un viaggio, anche un trascorrere interiore di continuo segnato da una quotidianità cercata, in ogni frase e foglio la grazia e la tenerezza, la nostalgia e il rimpianto si elidono tutti in un vagheggiare di velata melanconia. (< Lascia che torni / un effimero lieve / memoria di affetti / Infantili / lascia che mi abbracci / mi avvolga in / dolci carezze e / baci di madre / di padre / lascia che torni in / effimero gioco.>) E tutto perviene a un segno corto e conciso che rappresenta uno stare. L’epigrafe di Peter Handke, posta ad apertura del libro, dichiara: < La durata è il mio riscatto, mi lascia andare ed essere.> Dunque, questo durare è fuori delle misure conclamate, fuori delle pretese e delle paure; e l’effimero, vacillante sul baratro, s’apre sul vuoto e respira.
Elio Pecora

Eugenia Serafini

Eugenia Serafini

Canto dell’effimero

La scheda dell’e-book

Annunci
Recensione di “Canto dell’effimero” di Eugenia Serafini

Un pensiero su “Recensione di “Canto dell’effimero” di Eugenia Serafini

  1. Eugenia Serafini ha detto:

    Brava Michela. Eugenia al Jazz Festival di Villa Celimonta, Roma 2011- [image: Immagine in linea 1]

    Il giorno 04 novembre 2013 17:42, flower-ed

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...